Le quattro leggi spirituali, 4 leggi spirituali - my Jesus

my Jesus
Vaya al Contenido
Hai mai sentito parlare delle quattro leggi spirituali?

PRIMA LEGGE

DIO TI AMA E TI HA CREATO PER AVERE UN RAPPORTO PERSONALE CON LUI.

Dio ti ama
«Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo unico Figlio perché chi crede in Lui non perisca ma abbia vita eterna».
(Giovanni 3:16)

Dio desidera avere un rapporto personale con te [Gesù disse]: «lo sono venuto perché abbiano la vita, una vita vera e completa». (Giovanni 10:10)

«La vita eterna è questo: conoscere te, l'unico vero Dio, e conoscere colui che tu hai mandato, Gesù Cristo». (Giovanni 17:3)

Ma perché tante persone non fanno l'esperienza di questo rapporto personale? Perché…
_____________________

SECONDA LEGGE

L'UOMO È PECCATORE E SEPARATO DA DIO. IL PECCATO HA DISTRUTTO LA COMUNIONE TRA DIO E L'UOMO CHE NON PUÒ, QUINDI, FARE L'ESPERIENZA DEL SUO AMORE
Che cos'è il peccato?
L'uomo, creato per vivere in rapporto personale con Dio, ha deciso da solo che cosa fare della propria vita.
C'è chi si ribella a Dio apertamente, e chi è indifferente al Suo amore.
È questo ciò che la Bibbia chiama peccato.
Esta voluntad egoista caracterizada por una actitud de rebelión activa ó indiferencia pasiva, es evidencia de lo que la Biblia llama pecado.
Chi ha peccato?
«Tutti hanno peccato e sono privi della presenza di Dio che salva». (Romani 3:23)

Quali sono le conseguenze del peccato?
«Il peccato ci paga con la morte». (Romani 6:23)
«Le nostre iniquità hanno scavato un abisso fra voi e il vostro Dio». (Isaia 59:2 – Ed. Marietti)

Dio è santo e l'uomo è peccatore. Un abisso li separa.
L'uomo cerca di costruire un ponte per superarlo con i propri mezzi, ad esempio, con una vita esemplare, con la filosofia, la religiosità, amando il prossimo. Ma questi sforzi non risolvono l'origine del problema: il peccato.

La Terza legge indica la soluzione…

__________________

TERZA LEGGE

Morí al tuo posto
«Cristo invece è morto per noi, quando eravamo ancora peccatori: questa è la prova che Dio ci ama». (Romani 5:8)

È resuscitato dai morti
«Questo Gesù, Dio lo ha fatto risorgere, e noi tutti ne siamo testimoni». (Atti 2:32)
Gesù e l'unica via
Gesù disse: «Io sono la via: io sono la verità e la vita. Solo per mezzo di me si va al Padre». (Giovanni 14:6)
Dio ha mandato Suo figlio a morire al tuo posto per i tuoi peccati. Gesù è diventato il ponte per superare l'abisso della separazione, il mezzo mediante il quale tu puoi tornare a Dio e ottenere il perdono per il tuo peccato. In questo modo Dio ripristina il rapporto di amicizia con te. E cosi ha inizio la tua vita nuova.
Ma la semplice conoscenza di queste tre leggi non è sufficiente…..
__________________

QUARTE LEGGE

A quelli che «hanno creduto in Lui… ha fatto un dono: di diventare figli di Dio». (Giovanni 1:12)

Devi ricevere Cristo per fede
«Ricordate, è per grazia di Dio che siete stati salvati, per mezzo della fede. La salvezza non viene da voi, ma è un dono di Dio; non è il risultato dei vostri sforzi. Per questo, nessuno può vantarsene». (Efesini 2:8-9)

Questo rapporto è personale
Gesù dice: «Ascoltate, io sto alla porta e busso. Se uno mi sente e mi apre, io entrerò». (Apocalisse 3:20)

Lasciare entrare Cristo nella propria vita significa cessare di essere concentrati su sé stessi, orientare la propria vita su Dio, accettare con fede il perdono in Cristo. Non è però sufficiente riconoscere intellettualmente la validità di questa affermazione o reagirvi emotivamente.

Occorre una decisione che impegni anche la volontà.

Quale cerchio rappresenta la tua vita?
Quale tipo di vita preferisci?
Nella pagina seguente ti spieghiamo come ricevere Cristo.
Vita controllata dall'io
Questa persona controlla la propria vita e Cristo ne è fuori.

I punti rappresentano diversi interessi della sua vita. Manca un rapporto personale con Dio.
Questa situazione porta insoddisfazione, delusione, mancanza di scopo nella vita, frustrazione.
Vita controllata da Cristo
È Cristo a disporre della vita di questa persona che, confidando in Dio, ha accettato il perdono dei peccati e sottomesso a Cristo ogni interesse.

In questo rapporto intimo con Dio realizza sempre di più lo scopo della sua vita.
Quale cerchio rappresenta la tua vita?
Quale tipo di vita preferisci?

__________________

Hai la possibilità di affidare la tua vita a Gesù Cristo

Dio ti conosce. Non gl'importa come formuli le parole, conta solo la sincerità del tuo atteggiamento. Puoi esprimerGli la tua fiducia con queste parole:

«Signore Gesù, mi rendo conto che finora nella mia vita ho voluto fare di testa mia, ho peccato contro di te. Grazie per essere morto per i miei peccati. Ti prego di venire nella mia vita come Salvatore e Signore e rendermi come Tu vuoi che io sia. Grazie per essere entrato nella mia vita».

Questa preghiera esprime il tuo desiderio?
Se sì, prega in questo momento e, secondo la Sua promessa, Cristo entrerà nella tua vita.

Vuoi farlo ora?

Come puoi essere certo che Cristo è nella tua vita?
Nel brano di Apocalisse 3:20; Cristo stesso promette di entrare se uno gli apre il suo cuore. Tu l'hai fatto. Dov'è Gesù ora?

Certezza della vita eterna

«Dio ci ha dato la vita eterna, ce l'ha data mediante il Figlio Suo, Gesù. Chi è unito al Figlio ha la vita…. Voi credete nel figlio di Dio: perciò…. avete la vita eterna». (1 Giovanni 5:11-13)
Su che cosa si fonda la certezza che Gesù è nella tua vita e che tutto questo ti è accaduto?
Sulle promesse di Dio come sono contenute nella Sua Parola.

Che parte hanno i sentimenti?

Non dipendere dai sentimenti
I sentimenti sono parte della nostra vita, variano moltissimo, non ci si può fidare di loro. Se fondiamo la nostra fede sui sentimenti non sarà una fede solida. Se la fondiamo sulle promesse di Dio che sono immutabili, la nostra fede sarà ben salda.
La vignetta illustra il rapporto fra fatto (Dio e le Sue promesse), fede (la nostra fiducia in Dio e nella Sua Parola), sentimento (la nostra reazione emotiva alle promesse di Dio).
Non dipendere dai sentimenti
I sentimenti sono parte della nostra vita, variano moltissimo, non ci si può fidare di loro. Se fondiamo la nostra fede sui sentimenti non sarà una fede solida.
Se la fondiamo sulle promesse di Dio che sono immutabili, la nostra fede sarà ben salda.
La vignetta illustra il rapporto fra fatto (Dio e le Sue promesse), fede (la nostra fiducia in Dio e nella Sua Parola), sentimento (la nostra reazione emotiva alle promesse di Dio).

Il carico non può far nulla per muovere il trattore o il rimorchio. Il trattore può muoversi e spostare il rimorchio col suo carico. Cosi la fede è operante quando è poggiata sulle promesse di Dio. Abbiamo fiducia delle Sue promesse e non delle nostre reazioni emotive a queste promesse.

Che cosa succede accettando Gesù?
Nel momento in cui, con un atto di fede, hai ricevuto Gesù, è successo che:
1. Per mezzo del Suo Spirito, Gesù è venuto nella tua vita e non ti lascerà più. (Apocalisse 3:20; Ebrei 13:5; 1 Corinzi 12:13)
2. I tuoi peccati ti sono stati perdonati. (Colossesi 1:13-14)
3. Sei diventato figlio di Dio e appartieni alla Sua famiglia. È tuo Padre e tutti quelli che hanno ricevuto Gesù ti sono fratelli. (Giovanni 1:12; Galati 3:26)
4. Hai cominciato a realizzarti nel tuo rapporto personale con Dio. (Giovanni 10:10; 2 Corinzi 5:15-17)
5. Hai ricevuto la vita eterna. (Giovanni 5:24)

Ed ora?

Consigli pratici per una vita con Cristo
La vita cristiana è un crescere continuo. La crescita spirituale è una conseguenza della fede in Gesù Cristo: «Il giusto vivrà per fede». (Romani 1:17)
Eccoti alcuni consigli pratici sul come e cosa fare:
• Leggi ogni giorno un brano della tua Bibbia. Potresti cominciare col Vangelo di Giovanni. (Atti 17:11)
• Parla giornalmente con Dio in preghiera. (Giovanni 15:5-7)
• Metti in pratica quello che hai letto nella Bibbia. (Giovanni 14:21)
• Vivi tutti i giorni nella potenza dello Spirito Santo. (Galati 5:16-17)
• Non tenere la tua fede per te stesso. Di' ad altri quale significato Gesù ha ora per te. Parla con altri della tua vita nuova in Cristo. (Giovanni 15:7; Marco 5:19)


L'importanza della comunione cristiana
La Bibbia definisce la comunità cristiana «Corpo di Cristo».

I singoli credenti sono le membra di questo Corpo, il capo è Cristo. I membri della comunità sono diversi uno dall'altro, ognuno ha i propri doni che si integrano a vicenda. In Ebrei 10:25 viene messo in risalto l'importanza della comunione con altri credenti. Un esempio può aiutare a capirla meglio.

In una stufa più pezzi di carbone accesi formano un bel fuoco ma se un pezzo viene portato fuori e messo da parte, presto si spegne. Cosi è del tuo rapporto con altri cristiani.

Se non fai parte di una chiesa nella quale Cristo è onorato e la Sua Parola predicata con chiarezza, non aspettare che qualcuno ti venga a cercare, prendi l'iniziativa di incontrarti regolarmente con altre persone che hanno accettato Cristo come Salvatore e stanno sperimentando il Suo amore.

__________________





Torna ai contenuti